Toscana: la regione del wedding

Un fatturato stimato di 599 mln di euro, +11% rispetto al 2019: è il valore del Destination Weddings in Italia nel 2022, secondo lo studio realizzato dall’Osservatorio Destination Weddings in Italy, condotto da Centro Studi Turistici di Firenze per Convention Bureau Italia, finanziato dal Ministero del Turismo e presentato oggi nella sede di ENIT – Agenzia nazionale Turismo a Roma.

Secondo lo studio realizzato su un campione di 885 questionari a gestori di location e wedding planner, nel 2022 sono stati oltre 11.000 i matrimoni di coppie straniere celebrati in Italia che hanno generato 619.000 arrivi per oltre 2 milioni di presenze turistiche.

In crescita la quota di coppie che hanno scelto di sposarsi con rito simbolico (54,1%).

La Toscana si conferma la regione italiana più richiesta dalle coppie straniere, col 21% del totale, seguita da Lombardia, Campania, Puglia, Sicilia e Lazio.

Visualizza articolo

Tra i paesi di provenienza, gli USA si confermano al primo posto (29,2%), ma oltre il 57% degli eventi sono stati generati da coppie di sposi residenti in Paesi europei. Importante anche il movimento turistico generatori matrimoni di italiani che scelgono una regione diversa dalla propria: nel 2022 sono stati più di 7.160.

Ecco i numeri in evidenza:

  • un fatturato stimato di 599 milioni di euro (+11% rispetto al 2019)
  • 619.000 arrivi e oltre 2 milioni di soggiorni turistici legati ai matrimoni di destinazione
  • 3,3 notti di permanenza media di coppie e ospiti
  • gli USA sono stati il principale paese di provenienza (29,2% del totale) per il destination wedding
  • oltre il 57% degli eventi è stato organizzato da coppie sposate residenti in paesi europei
  • più di 7.160 matrimoni di coppie italiane sono stati celebrati in una regione diversa da quella di origine

Un grande risultato! Ma la nostra divisione Toscana per matrimoni è già al lavoro per il 2023: per quest’anno, infatti, l’incremento stimato del fenomeno del Destination Wedding in Italia è di oltre 1.000 eventi in più rispetto all’anno passato, con una stima di crescita del +9,5%.

Alla conferenza stampa hanno partecipato Sandro Pappalardo, consigliere di amministrazione Enit, Maria Elena Rossi, Marketing & Promotion director Enit, Carlotta Ferrari, presidente Convention Bureau Italia, Tobia Salvadori, direttore Convention Bureau Italia, Alessandro Zanon, direttore generale VisitPiemonte e Alessandro Tortelli, direttore CST Firenze.

0 225